WhatsApp : in arrivo lo scambio dei messaggi con altre app

In vigore da marzo, in linea con il regolamento europeo

RedazioneFebbraio 11, 2024

 1 minuto di lettura

 Hand Holding Mobile Phone Snap Taking Photo

In linea con il Digital Markets Act (DMA), nuovo regolamento che si applica alle aziende designate come “Gatekeepers” in Europa, WhatsApp si sta preparando a introdurre l’interoperabilità con altre app di messaggistica cifrata.

Meta è considerata come “gatekeeper”, con un numero di utenti e un fatturato tali in grado di orientare il mercato a proprio favore, a discapito di realtà più piccole . Per il regolamento europeo deve garantire l’interoperabilità di funzioni base per WhatsApp e Messenger con app di messaggistica più piccole, permettendo anche ad utenti che dispongono di app di messaggistica diversa di interagire con queste (a patto che lo sviluppatore dell’app terza lo desideri).

Le regole del DMA entreranno in vigore a marzo e anche Apple è obbligata a tenerne conto e sta lavorando a modifiche sul mondo Ios

 Secondo Wired gli sviluppatori di WhatsApp sono al lavoro da tempo per essere pronti all’entrata in vigore del regolamento.

Secondo Dick Brouwer, engineering director di WhatsApp, l’interoperabilità si concentrerà inizialmente sui messaggi, sull’invio di immagini, messaggi vocali, filmati e file tra due persone. Il supporto alle chiamate di gruppo e alle chat di gruppo arriverà in seguito, come previsto dalle disposizioni del regolamento europeo.

Brouwer riferisce che gli utenti che optano per l’interoperabilità vedranno un messaggio da altre app in una sezione separata dei messaggi in arrivo su WhatsApp, per sottolineare che si tratta di reti diverse. “Non possiamo offrire lo stesso livello di privacy e sicurezza”.

Per inviare un messaggio, le app di terze parti dovranno cifrare i contenuti usando il protocollo di crittografia Signal e sfruttare pacchetti XML, in conformità con l’attuale architettura client-server; le app terze dovranno collegarsi con i server di WhatsApp per ricevere i messaggi.

WhatsApp permetterà alle app di terze parti protocolli di cifratura differenti se gli sviluppatori di queste saranno in grado di dimostrare l’uso di standard di sicurezza adeguati a quanto evidenziato in specifiche linee-guida.

app Dick Brouwer Digital Markets Act Gatekeepers messaggi messenger Meta wathsapp