Privacy Ue, per Meta scatta il divieto di trattamento dati per il behavioural advertising

Condividi questo articolo

La decisione vincolante e urgente dell’Edpb: le misure operative entro due settimane. Il presidente Talus: “È giunto il momento che l’azienda metta in conformità i propri trattamenti e interrompa quelli illeciti”. Un portavoce della società: “Offriremo un modello di abbonamento per ottemperare ai requisiti normativi”

Pubblicato il 02 Nov 2023

Veronica Balocco

L’Edpb, Autorità europea di regolamentazione dei dati, ha accettato di estendere il divieto imposto dalla Norvegia, paese non membro dell’Ue, sulla “pubblicità comportamentale” (“behavioural advertising”) su Facebook e Instagram a tutti i 30 Paesi dell’Unione europea e dello Spazio economico europeo. Il divieto di tale pubblicità, che prende di mira gli utenti raccogliendo i loro dati, è una battuta d’arresto per il colosso tecnologico statunitense Meta Platforms, proprietario dei due servizi di social media, che si è opposto agli sforzi per frenare questa pratica. Meta ora corre il rischio di essere multata fino al 4% del suo fatturato globale.

Indice degli argomenti

La palla nelle mani della Dpa irlandese, dove ha sede Meta in Europa

La “decisione urgente e vincolante” dell’Edpb, nel concreto, incarica la Dpa irlandese (qui si trova la sede europea di Meta), in qualità di autorità di controllo capofila, di adottare, entro due settimane, misure definitive riguardanti Meta Ireland Limited e di imporre un divieto di trattamento dei dati personali per la pubblicità comportamentale sulle basi giuridiche del contratto e dell’interesse legittimo in tutto lo Spazio Economico Europeo.

WHITEPAPER

Vuoi acquisire nuovi clienti e non sai come fare? Scopri tutti i segreti del Digital Onboarding

Martech

Inizio modulo

Leggi l'informativa sulla privacy

E-mail

  • Consente all’invio di materiale promozionale, compimento di ricerche di mercato o di comunicazioni commerciali con modalità di contatto automatizzate e tradizionali delle Contitolari per conto di terzi (senza comunicazione dei dati ai medesimi) che appartengono al ramo manifatturiero, di servizi (in particolare ICT) e di commercio.

Fine modulo

Possibile sanzione sino al 4% del fatturato globale

Dal 7 agosto, Meta è stata soggetta a multe giornaliere in Norvegia di 1 milione di corone (90.000 dollari) per aver violato la privacy degli utenti utilizzando i loro dati, come posizioni o comportamento di navigazione, per scopi pubblicitari, secondo un modello di business comune alle Big Tech. L’autorità di regolamentazione norvegese dei dati, Datatilsynet, a settembre ha dichiarato di aver deferito la multa in corso all’Autorità di regolamentazione europea, poiché la sua multa era valida solo in Norvegia. La multa scadrà il 3 novembre, ma Meta potrebbe rischiare una sanzione pecuniaria molto più pesante, secondo Tobias Judin, capo della sezione internazionale di Datatilsynet. “Dato che ora avremo un divieto permanente, il mancato rispetto del divieto a livello di Ue/See costituirebbe di per sé una violazione del Gdpr, che potrebbe essere sanzionata fino al 4% del fatturato globale”, ha detto Judin. La decisione riguarda circa 250 milioni di utenti Facebook e Instagram in Europa, ha affermato Datatilsynet.

La reazione di Meta: “Già impegnati da tempo su questo fronte, sforzi ignorati”

Meta, in realtà, aveva già da tempo confermato l’intenzione di dare agli utenti nell’Ue e nello Spazio Economico Europeo l’opportunità di esprimere il proprio consenso, offrendo un modello di abbonamento per conformarsi ai requisiti normativi. “Abbiamo già annunciato che daremo alle persone nell’Unione Europea e nello Spazio Economico Europeo la possibilità di esprimere il proprio consenso e, a novembre, offriremo un modello di abbonamento per ottemperare ai requisiti normativi – spiega un portavoce dell’azienda – I membri del Comitato Europeo per la protezione dei dati (Edpb) sono a conoscenza di questo piano da settimane, in cui ci siamo già impegnati pienamente per arrivare a un risultato soddisfacente per tutte le parti. Questo sviluppo ignora ingiustificatamente questo attento e solido processo di regolamentazione”.

L’Edpb: “E’ tempo di interrompere i trattamenti illeciti”

“Dopo un’attenta considerazione, l’Edpb ha ritenuto necessario incaricare la Dpa di imporre un divieto di trattamento a livello dello Spazio Economico Europeo, indirizzato a Meta –  ha dichiarato il presidente dell’Edpb, Anu Talus -. Già nel dicembre 2022 le Decisioni vincolanti dell’Edpb avevano chiarito che il contratto non costituisce una base giuridica adeguata per il trattamento dei dati personali effettuato da Meta per la pubblicità comportamentale. Inoltre, secondo l’Autorithy irlandese, Meta non ha dimostrato di aver rispettato gli ordini imposti alla fine dello scorso anno. È giunto il momento che Meta renda conformi i propri trattamenti e interrompa i trattamenti illeciti”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

  •  
  •  
  •  
  •  

21 Novembre

Reimagine Netnography with AI. Rivoluziona l’analisi di opinioni e conversazioni online e migliora prodotti e servizi

  • Argomenti del webinar

intelligenza artificiale

marketing

  • Inizia tra

1

18

20

37

ISCRIVITI

Argomenti trattati

Aziende

D

Dpa

 

E

Edpb

 

F

facebook

 

I

instagram

 

M

Meta

Approfondimenti

A

advertising

 

M

media

 

P

privacy

 

P

pubblicità online

 

S

social media

 

T

trattamento dati personali

  • Articoli correlati

L'ANALISI

Banda ultralarga e PA digitale, Ocse: "Troppe lacune, l'Italia acceleri"

03 Ott 2023

LE NUOVE REGOLE

Agenzia Cybersecurity, in Gazzetta la direttiva che rafforza compiti e azioni

09 Ago 2023

IL DECRETO

Blockchain e mondi virtuali per dare la spinta al Made in Italy

03 Ago 2023

LA VIDEOINTERVISTA

Servizi digitali e reti, la doppia sfida del Gruppo Sirti

05 Lug 2023

White Paper

Una nuova strada per i pagamenti digitali in Italia: l’analisi dell’Osservatorio Innovative Payments

17 Nov 2023

Argomenti della ricerca

Buy Now Pay Later

Central Bank Digital Currency

Open API

Prossimo

Blockchain e mondi virtuali per dare la spinta al Made in Italy

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Mail

Link

Articoli correlati

  1. Privacy Ue, per Meta scatta il divieto di trattamento dati per il behavioural advertising
  2. Banda ultralarga e PA digitale, Ocse: "Troppe lacune, l'Italia acceleri"
  3. Agenzia Cybersecurity, in Gazzetta la direttiva che rafforza compiti e azioni
  4. Blockchain e mondi virtuali per dare la spinta al Made in Italy
  5. Servizi digitali e reti, la doppia sfida del Gruppo Sirti

Articolo 1 di 5

L'ANALISI

Banda ultralarga e PA digitale, Ocse: “Troppe lacune, l’Italia acceleri”

Condividi questo articolo

Sono le raccomandazioni contenute nel rapporto Going for Growth: "Serve una spinta per diffondere le reti di ultima generazione e garantire l'interoperabilità dei dati pubblici". E bisogna affrontare seriamente la questione della carenza di competenze

Pubblicato il 03 Ott 2023

Patrizia Licata

MOSTRA ARTICOLO

White Paper

Blockchain & Web3: il punto di vista dell’Osservatorio Blockchain & Distributed Ledge

17 Nov 2023

Argomenti della ricerca

cryptowinter

Ledger Blockchain

Web3

Articolo 2 di 5

LE NUOVE REGOLE

Agenzia Cybersecurity, in Gazzetta la direttiva che rafforza compiti e azioni

Condividi questo articolo

Il Governo punta a promuovere la gestione adeguata e coordinata delle minacce informatiche, degli incidenti e delle situazioni di crisi di natura cibernetica. Determinante il ruolo delle amministrazioni

Pubblicato il 09 Ago 2023

Patrizia Licata

MOSTRA ARTICOLO

22 Novembre

Creatività sui social media nel B2B? Si può fare!

  • Argomenti del webinar

advertising

marketing

martech

  • Inizia tra

2

18

20

37

ISCRIVITI

Articolo 3 di 5

network-digital-360

NetworkDigital360 è il più grande network in Italia di testate e portali B2B dedicati ai temi della Trasformazione Digitale e dell’Innovazione Imprenditoriale. Ha la missione di diffondere la cultura digitale e imprenditoriale nelle imprese e pubbliche amministrazioni italiane.

Indirizzo

Via Copernico, 38

Milano - Italia

CAP 20125

Contatti

info@digital360.it

ICT&Strategy S.r.l. – Gruppo DIGITAL360 - Codice fiscale 05710080960 - P.IVA 05710080960 - © 2023 ICT&Strategy. ALL RIGHTS RESERVED

Mappa del sito