Lavoro e tecnologie: solo il 29% dei dipendenti IT è “fedele” alle aziende

Secondo i risultati della Global Labour Market survey di Gartner, che ha coinvolto 18.000 dipendenti in 40 Paesi, la divisione Information Technology è quella a più alto tasso di abbandono: le offerte sono in costante aumento e spesso non si riescono a trattenere i talenti a causa di stipendi non in linea o della scarsa valorizzazione delle risorse 10 Mar 2022 Veronica Balocco

I dipendenti IT sono più inclini a lasciare il lavoro rispetto ai dipendenti che ricoprono altre funzioni: fra di loro, l’intenzione di rimanere “dove sono” è inferiore del 10,2% rispetto ai dipendenti non IT. Si tratta del dato più basso tra tutte le funzioni aziendali. Lo afferma il Gartner Global labour market survey, sondaggio svolto nel quarto trimestre del 2021 fra oltre 18.000 dipendenti di 40 Paesi, inclusi 1.755 dipendenti della funzione Information Technology. “Sebbene la fidelizzazione dei talenti sia una preoccupazione comune di livello C, i Cio sono all’epicentro della questione, con un’enorme fetta della loro forza lavoro a rischio”, afferma Graham Waller, vicepresidente e analista di Gartner. “Abbiamo sentito parlare di organizzazioni IT che implementano politiche di ritorno in ufficio solo per far fronte a dimissioni di massa e dover invertire la rotta. I Cio potrebbero dover sostenere una maggiore flessibilità nella progettazione del lavoro rispetto al resto dell’azienda, poiché è più probabile che i dipendenti IT se ne vadano, siano più richiesti e si rivelino più abili nel lavoro a distanza rispetto alla maggior parte degli altri dipendenti”. Indice degli argomenti • In Europa solo il 38,8% dei lavoratori IT non prevede trasferimenti • Ridurre l’attrito con la flessibilità • I pilastri del modello human-centered In Europa solo il 38,8% dei lavoratori IT non prevede trasferimenti A livello globale, solo il 29,1% dei lavoratori IT ha una forte intenzione di rimanere con l’attuale datore di lavoro, ma il numero è molto più basso in Asia (19,6%), Australia e Nuova Zelanda (23,6%) e America Latina (26,9%). Anche in Europa, la regione con le migliori prestazioni, solo quattro lavoratori IT su 10 (38,8%) hanno una forte intenzione di rimanere.

La sfida della fidelizzazione dei talenti IT varia in base al gruppo di età e alla regione. Ad esempio, i lavoratori IT di età inferiore ai 30 anni segnalano due volte e mezzo meno probabilità di rimanere rispetto a quelli di età superiore ai 50 anni. Solo il 19,9% dei lavoratori IT di età compresa tra 18 e 29 anni ha un’elevata probabilità di rimanere, rispetto al 48,1% di quelli di età compresa tra 50 e 50 anni. 70 anni. Ridurre l’attrito con la flessibilità I dati mostrano che politiche di lavoro più flessibili e incentrate sull’uomo possono ridurre l’attrito e aumentare le prestazioni. In un sondaggio Gartner del 2021 su 3.000 dipendenti in un’ampia gamma di settori, funzioni e aree geografiche, il 65% dei dipendenti IT ha affermato che la possibilità di lavorare in modo flessibile influirà sulla decisione di rimanere nell’organizzazione. Gli analisti di Gartner affermano che i Cio dovrebbero utilizzare un approccio basato sui dati per identificare i lavoratori più a rischio e più preziosi e adattare le politiche di lavoro ibride per mantenerli coinvolti e ad alte prestazioni. I pilastri del modello human-centered Ma come implementare un vero modello di lavoro incentrato sull’uomo? Il consiglio di Gartner è quello di riconsiderare presupposti obsoleti come l’orario di lavoro (le aziende all’avanguardia stanno consentendo alle persone e ai team di decidere quando svolgere al meglio il proprio lavoro e stanno sperimentando nuovi orari come la settimana di quattro giorni); la centralità dell’ufficio (la pandemia ha infranto il mito secondo cui i dipendenti possono svolgere un lavoro reale solo in un ufficio dove i dirigenti possono vederli. La maggior parte delle organizzazioni sta ora pianificando un futuro ibrido che riconosca che i dipendenti possono essere perfettamente produttivi da remoto per alcune attività, mentre l’ufficio è più adatto per determinate mansioni come la connessione umana e la collaborazione); la cultura delle riunioni (una pratica iniziata negli anni ’50, quando le persone dovevano riunirsi fisicamente per prendere decisioni: ora, gli strumenti di collaborazione asincroni e sincroni consentono il processo decisionale distribuito, la collaborazione e la creatività). “I Cio che adottano una progettazione del lavoro incentrata sull’uomo assumeranno, manterranno e supereranno le prestazioni di coloro che tornano invece ai paradigmi del lavoro dell’era industriale”, conclude Waller.

aziende