Il danno e la beffa dei dossieraggi (veri o presunti)

Tra gli indagati dalla Procura di Perugia per aver avuto accesso alle informazioni riservate di centinaia di personaggi pubblici compaiono Pasquale Striano, tenente della Guardia di Finanza, e il magistrato Antonio Laudati. Il taccuino di Guiglia.

7 Marzo 2024 07:21

  •  

Ascolta: "Il Sole 24 ore fulmina il progettino di Difesa Ue"

Il Sole 24 ore fulmina il progettino di Difesa Ue
Ecco come l’Iran tenta la ritorsione contro le sanzioni degli Stati Uniti
Fincantieri comprerà Wass da Leonardo? Cosa sta succedendo
Intercettazioni, tutto sullo scandalo nella Difesa tedesca (e sul ruolo di Cisco)
Bending Spoons acquisirà Vimeo?
Cosa sappiamo sull’attentato alla gigafactory di Tesla a Berlino
Perché la vecchia guardia di Twitter fa causa al patron di X, Elon Musk
Perché Meloni non partecipa agli show di Gualtieri sul Giubileo?
Airbus, Leonardo e Sikorsky, al via la nuova fase di gara per il nuovo elicottero militare del Regno Unito
Smartphone sovranisti: la Cina snobba Apple e preferisce i cinesi Vivo e Huawei

Il Sole 24 ore fulmina il progettino di Difesa Ue

00:00

Per ora di sicuro ci sono solo i numeri: 16 indagati dalla Procura di Perugia per aver avuto accesso a informazioni riservate su 121 personaggi di vari ambiti, dalla politica allo sport, dall’imprenditoria allo spettacolo.

L’accusa vuol veder chiaro soprattutto su due funzionari pubblici, il tenente della Guardia di Finanza, Pasquale Striano e il magistrato Antonio Laudati (nella foto), che per lungo tempo sono stati in servizio alla Direzione Nazionale Antimafia. Dove, stando all’ipotesi dell’indagine, avrebbero utilizzato la banca dati per ottenere notizie e informazioni private su decine di cittadini, in particolare del mondo politico.

“Chiarirò tutto”, ribatte Laudati. Lo stesso assicurano gli altri indagati.

PUBBLICITÀ

“Un fatto gravissimo, la libertà di stampa non c’entra”, insorge la presidente del Consiglio e con lei tutto il centrodestra, cioè la parte politica che sarebbe stata la più colpita dal presunto spionaggio.

Anche il ministro della Giustizia e già magistrato, Carlo Nordio, parla di “un fatto estremamente grave”, ma aggiunge che questa situazione non è una novità, essendosi, al contrario, “sedimentata da anni”. In sostanza, qui è in ballo il principio costituzionale del diritto alla riservatezza.

Il danno e la beffa, se si pensa quanto la burocrazia opprima gli italiani con richieste, spesso assurde, per “tutelare la privacy”, salvo poi scoprire che, ai più alti livelli, tale scrupolo apparirebbe inesistente.

Ma guai a confondere i piani, sembra ammonire il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Perché, in attesa degli accertamenti della Procura tutti ancora in corso, Mattarella ricorda un altro e non meno rilevante principio costituzionale: quello della libertà della stampa, “che è fondamentale”.

Dunque, anche questa “partita del dossieraggio” si gioca con la solita contrapposizione e lo scontato scambio di accuse fra destra e sinistra.

Ma pure dall’opposizione Elly Schlein parla di “scandalo”, di “schedature illegittime” e del dovere di “fare chiarezza”. A prescindere dal perché siano stati fatti accessi non autorizzati a dati importanti e sensibili, e dall’uso anche giornalistico che questa illegalità abbia prodotto, è evidente a tutti la differenza tra un regime e uno Stato di diritto.

Nel primo l’abuso e l’arbitrio sono tollerati e spesso incoraggiati per rafforzare il potere e colpire gli avversari. Nel secondo, il rigoroso rispetto della legge, in particolare da parte di chi è chiamato a compiti istituzionali, è il presupposto stesso del buon funzionamento della democrazia.

Dirà l’inchiesta della Procura. Ma intanto la vicenda è già velenosa di per sé, perché s’inserisce in mezzo a una campagna elettorale, che è regionale col voto imminente in Abruzzo ed europea con quello in arrivo a giugno.

E poi s’incastra nel preoccupante scacchiere internazionale di due guerre in corso e degli attacchi ad opera degli houthi nel Mar Rosso.

(Pubblicato su L’Arena di Verona, Il Giornale di Vicenza, Bresciaoggi e Gazzetta di Mantova)
www.federicoguiglia.com

Articoli

COMMENTO.

Ho assistito ad alcune trasmissioni televisive sui dossieraggi recentemente scoperti.  Purtroppo si cercano mandanti o coincidenze con le elezioni. Ma quello che dobbiamo dire è che: GLI STRUMENTI DI TUTELA DEI DATI SONO INSUFFICIENTI.  Un qualsiasi HACKER-dilettante riesce a carpire dati sensibili di personalità più o meno importanti.  NOI ABBIAMO LA SOLUZIONE. Il fatto che un ministro abbia lavorato per una grande società di armi non mi preoccupa, meglio così che uno totalmente sprovveduto. Ma il problema è che si capisca che siamo in una guerra mondiale non solo per conquistare il governo di una Regione.  E in una guerra TUTTE LE ARMI devono essere prese in considerazione. I Nazisti, brutti  e cattivi, avevano tutta una serie di Progetti che Poi la NASA ha rivelato che erano gli UFO degli anni 50 e 60.  Consideriamo quindi CONTRARIO AGLI INTERESSI NAZIONALI chi, per fare i propri affari o vendere i propri prodotti, ostacola il lavoro di chi ha le soluzioni. Vinca il migliore!!!!